Perche’ Noi No? Assemblea Dei Ricercatori Precari Unisalento

45570141_10156104090592602_8605098961881006080_n

ASSEMBLEA DEI RICERCATORI PRECARI UNISALENTO
LUNEDì 12 NOVEMBRE 2018 – h. 15.30
SALA CHIRICO – EX-MONASTERO DEGLI OLIVETANI

L’Italia è capofila nei tagli all’Università e alla Ricerca, mentre altri paesi Europei investono nel loro futuro.

PERCHE’ NOI NO?
– I Ricercatori Universitari invecchiano precari, senza vere prospettive di reclutamento, mentre nelle Università mancano Docenti e i nostri colleghi europei entrano in ruolo tra i 30 e i 35 anni.

PERCHE’ NOI NO?
– nei nostri atenei sperimentiamo precariato selvaggio e lavoro gratuito, mentre i nostri colleghi europei hanno diritti e retribuzioni adeguate.
PERCHE’ NOI NO?

Siamo decine di migliaia di Ricercatori.
Determinati a riprenderci il nostro presente e futuro.
DIAMO VITA AD UNA CAMPAGNA NAZIONALE PER CHIEDERE:

– un piano straordinario di reclutamento dei Ricercatori e Docenti precari dell’Università, per restituire all’Università i Ricercatori e i Docenti necessari a garantire a tutti Istruzione di qualità e avanguardia nella ricerca;

– una Riforma del pre-ruolo che semplifichi la giungla di contratti precari ed offra a tutti diritti e una giusta retribuzione, per mettere fine allo sfruttamento di Assegnisti, Borsisti, Docenti a contratto, RTD;

– un serio piano di investimenti su Istruzione, Università e Ricerca per immaginare un futuro per noi e il nostro paese a partire dalla legge di stabilità che il Governo approva a Dicembre.

Annunci
Pubblicato in Uncategorized | Lascia un commento

Ci siamo! Votiamo Matteo e i nostri candidati alle elezioni del 22 e 23 maggio!

Matteo

Matteo Calcagnile, 28 anni, dottorando in Scienze e Tecnologie Biologiche e Ambientali XXXIII ciclo, è il candidato di ADI – Associazione Dottorandi e Dottori di Ricerca Italiani per il Senato Accademico nelle prossime elezioni studentesche dell’Unisalento, previste per il 22 e 23 maggio.

Calcagnile ha già alle spalle un’esperienza nel Senato Accademico dell’Università del Salento in rappresentanza degli studenti ed è stato scelto attraverso un confronto con i tesserati e i simpatizzanti dell’associazione dei dottorandi.

“La scelta di Matteo – fa sapere il Coordinamento di ADI Lecce – è quella di una persona preparata, competente, con una buona esperienza alle spalle nella politica accademica e nei movimenti studenteschi. Siamo sicuri che saranno in tanti tra i dottorandi e le dottorande a premiare la scelta di ADI, che dal 2012 (quando fu istituita, dopo una battaglia dell’associazione, la rappresentanza dei dottorandi in Senato Accademico) elegge un suo rappresentante nell’organo. Chi ha preceduto Matteo si è sempre distinto per passione e competenza, come dimostra il fatto che ex senatori accademici come Antonio Bonatesta e Ilaria Colazzo hanno raggiunto i vertici dell’associazione a livello nazionale. Ringraziamo la nostra Senatrice uscente Michela Del Pasqua – continua ADI – che in questi due anni non ha mai fatto mancare il suo impegno in Senato, come dimostrano i risultati ottenuti (dalla possibilità per i dottorandi del XXIX e XXX ciclo di avere più tempo e più finestre per consegnare la tesi alla difesa dei finanziamenti per dottorato e post-doc, passando per le battaglie per il rispetto del diritto dei dottorandi ad usufruire dei fondi aggiuntivi previsti dal D.M 45/2013 per le attività di ricerca e sul Pf24). La serietà del nostro lavoro è del resto testimoniato da battaglie nazionali che hanno portato all’estensione della discoll per dottorandi e assegnisti, all’abolizione della tassazione sui senza borsa e all’aumento, arrivato nei primi mesi dell’anno, della borsa di dottorato. Per questo è importante – conclude ADI Lecce – sostenere Matteo Calcagnile al Senato e i candidati di ADI ai consigli di dipartimento (Domenico Gigliotti al Dipartimento di Storia, Società e Studi sull’Uomo; Silvia Oliveti al Dipartimento di Scienze Giuridiche; Antonio Balena al Dipartimento di Ingegneria dell’Innovazione; Tommaso Ferro e Alberto Buonfino al Dipartimento di Studi Umanistici; Francesca Razzato al Dipartimento di Beni Culturali; Elisa Manno e Matteo Calcagnile al Disteba; Laura Polimeno, Vito Turco, Giulia Giannone, Vittoria Urso, Francesco Esposito al Dipartimento di Matematica e fisica “Ennio De Giorgi”). La forza dei dottorandi e dei ricercatori in formazione passa anche dall’importante appuntamento elettorale del 22 e 23 maggio: Adi ci sarà, così come è sempre stata presente in maniera costante e puntuale in questi anni per difendere i nostri diritti.
Info: https://siamoquellidelladi.wordpress.com https://www.facebook.com/adi.lecce.1

Pubblicato in Uncategorized | Lascia un commento

Verbale Assemblea ADI 03/11/2016

Qui il verbale dell’Assemblea ADI di Novembre. Per gli interessati del XXIX ciclo, in allegato troverete anche il documento Operazione Verità, che potrebbe chiarire dubbi e tempistiche sui processi di addottoramento.

Se non dovesse bastare, ci saranno presto aggiornamenti per la prossima Assemblea ADI, l’ultima del 2016!

verbaleassembleaadi03112016

operazioneverita

Pubblicato in Uncategorized | Lascia un commento

Assemblea ADI Lecce! Addottoramento XXIX Ciclo e tanto altro!

Giovedì 3 Novembre ci riuniamo presso l’Aula Magna dell’edificio Codacci Pisanelli dalle 17 alle 20 per un’importante assemblea con diversi punti all’ordine del giorno. Parleremo delle procedure e le tempistiche per l’addottoramento dei dottorandi del XXIX Ciclo e della situazione della ricerca nella nostra università. Sarà inoltre l’occasione per accogliere i dottorandi del XXXII Ciclo. Non mancate!adisu

Pubblicato in Uncategorized | Lascia un commento

Elezioni del 18 e 19 maggio: come e dove si vota?

 adisu
Elezioni del 18 e 19 maggio: come e dove si vota?
Ci siamo. Mercoledì 18 maggio e giovedì 19 maggio si voterà per il rinnovo del seggio che spetta al rappresentante dei dottorandi in Senato Accademico e per il seggio spettante ai dottorandi in CNSU (Consiglio Nazionale Studenti Universitari).
Si vota dalle 9:00 alle 19:00 di mercoledì e dalle 9:00 alle 14:00 di giovedì.
Munitevi di documento di identità e recatevi ai seggi appositamente adibiti:
SEGGIO 1 Ecotekne Laboratorio H1
Votano qui i dottorandi dei dipartimenti di Scienze dell’Economia e a Scienze e Tecnologie Biologiche e Ambientali (Disteba)
SEGGIO 2 Edificio Corpo Y Aula y6
Votano qui i dottorandi afferenti al Dipartimento di Ingegneria dell’Innovazione
SEGGIO 3 Edificio Fiorini Laboratorio F6
Votano qui i dottorandi afferenti al Dipartimento di Matematica e Fisica
SEGGIO 4 Edificio Codacci-Pisanelli Aula B1
Votano qui i dottorandi del Dipartimento di Storia Società e Studi sull’Uomo
SEGGIO 5 Edificio Sperimentale Tabacchi aula Sp2
Votano qui i dottorandi del Dipartimento di Beni Culturali e del Dipartimento di Studi Umanistici
SEGGIO 7 Edificio R2 Giurisprudenza Laboratio Informatico
Votano qui i dottorandi del Dipartimento di Scienze Giuridiche
Per votare al Senato Accademico: la procedura è digitale. Dopo aver inserito le credenziali fornite dalla Commissione si sceglie la lista da votare e successivamente il nome del candidato
Per votare al CNSU si vota invece in modalità cartacea: si fa una croce sul nome della lista e si scrive il nome del candidato.
BUON VOTO A TUTTI E A TUTTE!!!
Pubblicato in Uncategorized | Lascia un commento

IL NOSTRO PROGRAMMA! QUELLO CHE ABBIAMO FATTO E QUELLO CHE VOGLIAMO FARE

cropped-siamo1.png
Gli organi per cui si vota il 18 e il 19 maggio
Il Senato Accademico è l’organo più rappresentativo dell’Università. Ha poteri di indirizzo, di bilancio e programmazione ed esprime proposte, mozioni e interrogazioni cui il Rettore e l’Amministrazione centrale sono chiamati a rispondere, In questi anni l’ADI si è battuta in Senato Accademico per i diritti dei dottorandi con una costante attività di proposta, critica e monitoraggio.
Il Consiglio Nazionale degli Studenti Universitari (CNSU) è invece l’organo consultivo di rappresentanza degli studenti iscritti ai corsi attivati nelle università italiane, di laurea, di laurea specialistica e di specializzazione e di dottorato. Esso formula pareri e proposte al Ministro dell’istruzione,università e ricerca su varie tematiche ed argomenti.
Cosa ha fatto l’ADI in questi ultimi anni…
Innalzamento della borsa di dottorato da 800 a 1.000 euro (campagna “Se potessi avere mille euro al mese”, 2007).
– Istituzione della rappresentanza dei dottorandi in Senato Accademico (battaglia ADI sul nuovo Statuto Unisalento, 2011).
– Abolizione delle tasse sul dottorato (delibera Senato Accademico del 22 luglio 2014 sul XXX ciclo).
– Salvataggio del XXXII ciclo di dottorato (delibera Senato Accademico del 13 ottobre 2015).
– Rimozione incompatibilità dottorato-lavoro (Regolamento dei corsi di dottorato di ricerca, 16 dicembre 2014).
– Avvio di un tavolo di interlocuzione con i Direttori di Dipartimento ed il Rettore per le elezioni dei rappresentanti di dottorandi e assegnisti nei Consigli di Dipartimento; contestuale promozione di assemblee e momenti di confronto nei dipartimenti per la costruzione di candidature condivise e rappresentative
– Salvaguardia dei diritti dei dottorandi e dei giovani ricercatori (abolizione tassa regionale sui TFA, tutela dei vincitori del bando Future in Research)
– Battaglia (vinta) sull’anticipo richiesto sulla consegna della tesi per i dottorandi del XXIX Ciclo
– Petizione nazionale e petizioni locali per l’estensione dell’indennità di disoccupazione Dis-Coll anche per dottorandi,borsisti e assegnisti di ricerca (a Lecce abbiamo presentato personalmente le firme raccolte presso la direzione provinciale dell’Inps)
– Risoluzione della vertenza sull’erogazione della seconda tranche delle borse regionali del XXV,XXVI e XXVII ciclo
… e cosa vogliamo fare nei prossimi anni
– Basta dottorato senza borsa: tutti i dottorandi devono essere retribuiti per il loro lavoro!
-Diritti alla ricerca: indennità di disoccupazione (dis-coll) per dottorandi e assegnisti.
– Risorse alla ricerca: aumentare i fondi di funzionamento del dottorato e garantire budget di ricerca per tutti i dottorandi.
– Tempo alla ricerca: reintrodurre la possibilità di proroga nella consegna della tesi di dottorato.
-Strutture per la ricerca: concludere il lavoro e riportare l’ufficio dottorati a Lecce, incrementandone il personale e aumentandone la funzionalità!
– Riconquistare il futuro! Aumentare i posti a bando per il reclutamento di giovani ricercatori. Negli scorsi mesi ADI ha avviato un’interlocuzione affinché la Regione Puglia torni a finanziare il Dottorato e dia vita al bando “Future in Research 2” con le necessarie modifiche migliorative. Chiediamo che l’Università del Salento stili un piano straordinario per il reclutamento dei giovani ricercatori e destini parte del gettito del 5 x mille per la creazione di assegni di ricerca. A livello nazionale siamo impegnati nella battaglia per semplificare il percorso che porta all’immissione in ruolo,aumentando le risorse e arrivando ad avere due sole figure post-doc con più tutele e più diritti
– Il mercato segua ricerca e innovazione, non viceversa! Valorizzare il dottorato per arricchire scuola, pubblica amministrazione e imprese. Abbiamo già avviato su questo un tavolo tecnico con l’Assessorato Regionale competente (Diritto allo Studio,Istruzione e Università)
Pubblicato in Uncategorized | Lascia un commento

Michela Del Pasqua al Senato Accademico

Perché è importante il Senato Accademico

Il Senato Accademico è l’organo più rappresentativo dell’Università. Ha poteri di indirizzo, di bilancio e programmazione ed esprime proposte, mozioni e interrogazioni cui il Rettore e l’Amministrazione centrale sono chiamati a rispondere, In questi anni l’ADI si è battuta in Senato Accademico per i diritti dei dottorandi con una costante attività di proposta, critica e monitoraggio.

flyer

Cosa ha fatto l’ADI in questi ultimi anni…

Innalzamento della borsa di dottorato da 800 a 1.000 euro (campagna “Se potessi avere mille euro al mese”, 2007). Istituzione della rappresentanza dei dottorandi in Senato Accademico (battaglia ADI sul nuovo Statuto Unisalento, 2011). Abolizione delle tasse sul dottorato (delibera Senato Accademico del 22 luglio 2014 sul 30° ciclo). Salvataggio del 32° ciclo di dottorato (delibera Senato Accademico del 13 ottobre 2015). Rimozione incompatibilità dottorato-lavoro (Regolamento dei corsi di dottorato di ricerca, 16 dicembre 2014). Salvaguardia dei diritti dei dottorandi e dei giovani ricercatori (abolizione tassa regionale sui TFA, tutela dei vincitori del bando Future in Research)

… e cosa vogliamo fare nei prossimi

Basta dottorato senza borsa: tutti i dottorandi devono essere retribuiti per il loro lavoro! Diritti alla ricerca: indennità di disoccupazione (dis-coll) per dottorandi e assegnisti. Risorse alla ricerca: aumentare i fondi di funzionamento del dottorato e garantire budget di ricerca per tutti i dottorandi. Tempo alla ricerca: reintrodurre la possibilità di proroga nella consegna della tesi di dottorato. Strutture per la ricerca: concludere il lavoro e riportare l’ufficio dottorati a Lecce. Riconquistare il futuro! Aumentare i posti a bando per il reclutamento di giovani ricercatori. Il mercato segua ricerca e innovazione, non viceversa! Valorizzare il dottorato per arricchire scuola, pubblica amministrazione e imprese.

Pubblicato in Uncategorized | Lascia un commento